Top 5 (+1) libri del 2020

Top 6 non rendeva nello stesso modo, quindi ho optato per stilare la classifica dei 5 migliori libri di questo 2020 appena concluso, con aggiunta di un bonus che vi svelerò al termine dell’articolo. Se avete già recuperato il post recap delle letture del 2020 saprete che dal punto di vista della quantità quest’anno non ha portato grandi traguardi, quindi mi sono limitata a stilare una classifica di soli 5 libri, rispetto a quanto fatto gli anni precedenti, in cui ne avevo scelti 10 (a parte per il 2019, in cui ne scelsi 5 come in questo caso).

Ma veniamo subito a noi, di seguito in ordine rigorosamente sparso, trovate i miei libri preferiti di questo folle 2020:

Nomadland di Jessica Bruder – Nomadland è un reportage che racconta la vita dei nuovi nomadi d’America, un racconto toccante e reale della vita di queste persone che in parte per scelta e in parte per mancanza di scelte decidono di comprare un mezzo (macchina, camper, roulotte) e muoversi tra gli immensi spazi della provincia degli Stati Uniti. La scrittrice ha il pregio, a mio parere, di saper raccontare in modo estremamente fluido e discorsivo tematiche anche molto complesse per chi (come la sottoscritta) non ha mai approfondito questi temi. Ve ne ho già parlato in questo post, quindi non mi dilungherò oltre qui.

Leggere Lolita a Teheran di Azar Nafisi – Questo è uno di quei libri di cui ho pensato, non appena terminata la lettura, come avessi fatto a non averlo letto prima. Azar Nafisi ci porta nella sua Teheran e contemporaneamente in tanti altri luoghi, attraverso i libri di cui ci parla e che hanno segnato la sua (e la nostra) storia. In certi punti ho avuto i brividi a leggere l’intensità con cui la Nafisi ci accompagna nella sua vita e in quella dei suoi famigliari, dei suoi colleghi e delle sue coraggiose studentesse.

Strane Creature di Tracy Chevalier – Datemi un libro con fossili, scogliere e paesini inglesi di inizio ottocento e sarò felice. Non vorrei dilungarmi troppo in questa sede a parlare di questo libro perché ho in mente una recensione ad esso dedicata. Il libro segue la vita, dall’infanzia all’età adulta (con alcuni salti temporali) di una delle più famose cercatrici di fossili della storia, Mary Anning e della sua amicizia con Elizabeth Philpot, una donna intelligente e intraprendente con la quale condivideva la passione per i fossili. Sono rimasta talmente colpita dalle atmosfere raccontate dalla Chevalier in questo romanzo da aver speso un intero pomeriggio a cercare romanzi affini, quindi se avete qualche bel suggerimento sono tutta orecchie.

Mai stati così felici di Claire Lombardo – Non sono mai stata un’amante dei romanzi famigliari, quindi è stata una vera sorpresa per me sciropparmi senza problemi più di 700 pagine di questo romanzo senza fare una piega nel giro di pochi giorni. La narrazione si concentra sulle vicende di una famiglia della middle class americana; la Lombardo alterna il racconto dell’incontro tra David e Marilyn negli anni settanta e il risultato del loro amore, anni dopo: quattro figlie, quattro vite completamente diverse, il loro amore ancora vivo dopo anni di matrimonio e anni trascorsi nei sobborghi di Chicago. La Lombardo ci porta a conoscere i membri di questa famiglia nel corso degli anni, dalla giovinezza dei due genitori fino all’età adulta delle quattro figlie. Ci sono Wendy, Violet, Liza e Grace, alle prese con relazioni disfunzionali, famiglie sull’orlo del fallimento, e disillusioni della vita adulta. Nel momento in cui fa la propria comparsa Jonah, direttamente dal passato della famiglia Sorensen, il precario equilibrio fino a quel momento faticosamente mantenuto viene meno, e tutti i membri si trovano a dover fare i conti con le proprie scelte e i propri sbagli.

Adorazione di Alice Urciuolo – Unico titolo italiano che ho inserito nella mia top 5 di quest’anno, e mi sono accorta di aver letto, ahimè, soltanto un paio di libri di autori italiani, spero di migliorare questo aspetto durante il corso del 2021. Un racconto di adolescenti della provincia romana, che ruota attorno a un perno: un omicidio, un’assenza, una perdita. Elena viene uccisa dal suo fidanzato, Enrico. E Vanessa, Giorgio, Vera, Christian e gli altri protagonisti si trovano a fare i conti con questo avvenimento, cercando di darsi una spiegazione, o semplicemente di dimenticarlo, in alcuni casi. Ho trovato in questo libro un intreccio di percorsi di crescita, scontri generazionali, adulti ciechi davanti alla vita degli adolescenti (i loro, adolescenti), voglia di crescere e paura del cambiamento. Tutti siamo stati adolescenti, tutti ci siamo sentiti incompresi, arrabbiati, confusi, soli. E la scrittrice riesce a mio avviso a ricreare perfettamente alcune di queste sensazioni attraverso questi personaggi così vivi e reali. Spero che si cimenti presto in un nuovo romanzo.

Infine la nomination bonus, come promesso: Vardo. Dopo la tempesta di Kiran Millwood Hargrave, un libro che mi ha rapito il cuore e di cui consiglio la lettura a tutti. Ispirato ai fatti realmente accaduti, ci troviamo a Vardo, nel nord della Norvegia nel 1617, quando una tempesta improvvisa toglie la vita a tutti gli uomini di un piccolo villaggio di pescatori. Di questa tragedia saranno incolpate alcune donne del paese, trascinate in un processo terribile basato sulla superstizione e l’ignoranza. E’ una storia molto forte, che lascia il segno, che parla di libertà e coraggio e di donne che hanno faticosamente lottato per la propria sopravvivenza e il proprio diritto di vivere. Bellissimo.

Spero di avervi incuriosito con questa breve rassegna delle mie letture preferite del 2020. Se ne avete voglia vi invito a scrivervi nei commenti quali sono state le letture più interessanti e stimolanti che avete affrontato quest’anno. Buona lettura!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...