Review: Reincarnation blues di Michael Poore

Processed with VSCO with hb1 preset

Questa è la storia di un uomo saggio chiamato Milo. Comincia nel giorno in cui fu mangiato da uno squalo.

Michael Poore ci presenta così il protagonista del libro, Milo, un’anima che ha già vissuto 9995 vite. Non gli restano ancora molti tentativi per raggiungere la Perfezione (per l’esattezza solo cinque) prima che la sua anima venga scaraventata nel Nulla. Non si può dire che Milo si sia impegnato davvero fino in fondo in questa impresa: piuttosto che raggiungere la Perfezione continua a reincarnarsi, vita dopo vita, senza raggiungere il suo scopo, lo scopo di ogni anima, ovvero unirsi al Tutto e trovare finalmente la Pace. In che modo? Facendo qualcosa di straordinario. L’unica consolazione (e la ragione per cui Milo preferisce continuare il suo ciclo di vite e morti) sono gli incontri con la Morte (ma lei preferisce essere chiamata Suzie), di cui Milo è innamorato, alla quale si ricongiunge al termine di ogni vita, nell’Aldilà.

La tua anima può essere cancellata come una serie tv di scarso successo.

Tramite le vite del protagonista viaggiamo attraverso il tempo e lo spazio, esplorando universi futuri (dal 2140 al 3417), tempi passati e presenti. Milo ha vissuto praticamente sotto ogni forma: è stato un albero, un coniglietto in Cina, un grillo, un maestro di surf, un sassofonista che ha marciato sul ponte di Selma, un bandito scozzese, un famoso economista, un capitano galattico che ripulisce l’universo dai criminali e tanto altro ancora. Il lettore è portato a perdersi con salti temporali, ricordi e flashback del protagonista e nonostante questa apparente confusione l’esistenza di Milo viene ricostruita un po’ alla volta in modo chiaro e avvincente.

Ho fatto un po’ di fatica a entrare nella narrazione, in parte per via dello stile, non molto affine ai miei gusti, e in parte perché non riuscivo a capire fino in fondo le leggi che governavano l’universo creato dall’autore (non conosco bene le filosofie orientali dalle quali Poore prende spunto per la costruzione della storia e la sua idea di Aldilà non mi è molto affine). Entrambi i problemi si sono risolti nelle prime cento pagine: attraverso il racconto delle vite (passate e future) di Milo riusciamo a capire un po’ alla volta cosa succede al protagonista, e soprattutto perché. Lo stile, che inizialmente avevo trovato piuttosto scarno e poco elaborato, ha aiutato a rendere molto fluida la narrazione, tanto che un libro di circa 450 pagine si legge tranquillamente in pochi giorni. Di conseguenza appena si entra nel vivo della narrazione ho smesso di far caso al registro, per concentrarmi sulle vicende raccontate.

Stavolta ce la facciamo, gli parve di sentir dire alla sua anima antica. Milo non capiva cosa volesse dire, ma si sentì avvolto da una profonda sensazione di perfezione.

E’ un libro leggero, ma non per questo poco godibile, anzi. Ho trovato molto avvincente la storia del protagonista e geniali alcune idee sviluppate nelle varie “ere future” raccontate dall’autore. Ci si affeziona in fretta a Milo e a Suzie e si finisce con il tifare per loro attraverso i secoli e le vite che li separano.

2018-01-20 08.42.34 1.jpg

L’unico tasto dolente che vorrei evidenziare è la crudezza di alcuni episodi: non sono una persona facilmente impressionabile, ma in alcuni punti della narrazione ho fatto parecchia fatica. Vengono narrati fatti e avvenimenti (attraverso un linguaggio molto diretto) piuttosto forti che potrebbero urtare la sensibilità di certi lettori, e in alcuni casi ho trovato alcune descrizioni decisamente superflue: l’autore poteva raccontare le vicende trasmettendo comunque le emozioni che voleva comunicare al lettore senza scendere in dettagli così cruenti.

Nel complesso questa lettura mi è piaciuta molto. Non ripongo mai aspettative particolarmente alte nelle nuove uscite di cui conoscono poco o nulla al momento dell’acquisto, come in questo caso, e ne sono rimasta piacevolmente sorpresa.

Voi lo avete letto? Ne siete incuriositi? Vi aspetto nei commenti!

Qui trovate il link per acquistare il libro su IBS. Non troverete il link d’acquisto ad amazon perchè questa casa editrice ha deciso di non collaborare più con il sito in questione, di conseguenza rispettiamo la sua scelta. Io personalmente ho acquistato il libro in libreria, e invito tutti voi a fare altrettanto. Vi lascio qui il link all’articolo in cui la casa editrice spiega la sua posizione.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...